UNA FAMIGLIA VINCENTE – KING RICHARD. RECENSIONE

Facebooktwittermail

All’inizio degli anni ’90, l’afroamericano Richard Williams allena strenuamente due delle sue cinque figlie per trasformarle in fuoriclasse del tennis, con l’obiettivo di strappare la propria famiglia a un destino miserabile nel ghetto nero di Compton, in California. Per riuscire nel difficile proposito, l’uomo ha messo a punto per iscritto un rigoroso piano di settantotto pagine prim’ancora che le sue bambine venissero al mondo. Quel piano farà di Venus e Serena Williams due straordinarie atlete in grado di marchiare a fuoco la storia dello sport.

Nato da una sceneggiatura dell’esordiente Zach Baylin e diretto da Reinaldo Marcus Green, Una famiglia vincente – King Richard ha una peculiarità che lo rende appetibile sin dalle prime battute. Il fulcro di quest’avventura impastata di fatica e di sogni, di sorrisi e di lacrime, di abnegazione e di incredibile voglia di rivalsa, non sono le due amate stelle del tennis – che, se issate a protagoniste assolute, avrebbero potuto togliere mordente a un racconto già basato su un canovaccio piuttosto convenzionale – bensì il loro vulcanico e controverso genitore, interpretato con zelo e ispirazione da un Will Smith leggermente appesantito nel fisico per l’occasione.
Tenace, generoso e amorevole da un lato, pedante, dispotico e arrogante dall’altro, così irrimediabilmente testardo da rasentare l’ottusità, “re” Richard è l’anima di una storia di riscatto che celebra l’unione familiare come l’arma più efficace contro le avversità della vita e le ingiustizie del mondo.
Ai traumi del passato, ai soprusi dei bianchi, alle violenze fisiche e piscologiche inferte da certa gente di quartiere, papà Williams risponde con un ardito e meticoloso piano che assurgerà a fonte d’ispirazione (e di liberazione) per ogni persona di colore. La realizzazione del progetto si rivela possibile, però, non senza l’acume e l’equilibrio di mamma Oracene (l’intensa Aunjanue Ellis, capace di prendersi più volte la scena in una pellicola “Smith-centrica”) e la precoce maturità delle future campionesse.
Edificante e sottilmente ottimista, mai enfatico o ricattatorio, il lungometraggio di Green si giova anche del notevole montaggio di Pamela Martin (The Fighter, Little Miss Sunshine), in grado non solo di infondere un ritmo costante e coinvolgente alla narrazione, ma anche di rendere credibili e avvincenti le sequenze sul rettangolo di gioco. Un lavoro così efficace e incisivo da conferire al film la stessa leggiadria di un tennista intento a palleggiare, pronto a sferrare al momento giusto il vincente decisivo.

Voto: 3,5/5

Una famiglia vincente – King Richard (King Richard), USA, 2021. Regia: Reinaldo Marcus Green. Interpreti: Will Smith, Jon Bernthal, Aunjanue Ellis, Saniyya Sidney, Demi Singleton, Tony Goldwyn. Durata: 2h e 24’.

Facebooktwittermail

Categorie Post:
Contenuti Speciali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.