ROOM. RECENSIONE

Facebooktwittermail

“Stanza” è tutto il mondo di Jack (Jacob Tremblay). È in quel luogo piccolo e angusto che è nato ed è cresciuto insieme alla sua giovane mamma (Brie Larson), che fa il possibile perché niente gli manchi. Entrambi sono segregati dal rapitore della ragazza, che loro chiamano Old Nick. Quando Jack compie il suo quinto compleanno, sua madre decide che è il momento di pianificare la fuga.
Alla base di questo piccolo grande film, certamente da segnalare tra le perle della stagione 2015/16, c’è il romanzo di Emma Donoghue Stanza, letto, armadio, specchio, ispirato a sua volta al terribile caso Fritzl avvenuto in Austria qualche anno fa. La stessa Donoghue ha curato l’adattamento cinematografico, che il regista irlandese Lenny Abrahamson ha tradotto in uno di quei film che ti restano dentro per giorni e che meritano un’ulteriore visione per comprendere a fondo sfumature e livelli di lettura.
Emozionante, claustrofobica, opprimente la prima parte di Room, dove regista, direttore della fotografia e scenografo dipingono con maestria lo spazio fisico e interiore dove Jack e Ma sono costretti a vivere. Un affresco così incisivo da assumere i connotati di una fiaba nera. Poi, la sequenza da antologia del furgone spacca in due la storia. A questo punto comincia praticamente un altro film, in cui Abrahamson riesce a tenere viva la tensione conducendoci nei meandri del traumatico e insidioso cambio di vita dei due protagonisti. Impresa portata a buon fine anche grazie alle grandi prove dei suoi interpreti. Brie Larson (premiata con l’Oscar) è prima mamma amorevole e tenace nella prigione, poi smette la corazza nel mondo reale dove vengono messe a nudo tutte le sue fragilità. Il piccolo Jacob Tremblay (ignorato inspiegabilmente dall’Academy) è sensazionale nel farci sentire sentimenti, stati d’animo e fantasie di Jack (Abrahamson sposa il suo punto di vista per tutto il film). Speriamo solo che ora Hollywood abbracci e protegga il suo talento: di bimbi prodigio ne ha bruciati già troppi.

Voto: 4/5

Room, Irlanda-Canada, 2015. Regia: Lenny Abrahamson. Interpreti: Brie Larson, Jacob Tremblay, Joan Allen, William H. Macy. Durata: 1h e 58’.

Facebooktwittermail

Categorie Post:
Contenuti Speciali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.