OSCAR 2024, È TRIONFO PER NOLAN: OPPENHEIMER VINCE 7 PREMI

Facebooktwittermail

La 96esima edizione degli Oscar, come ampiamente pronosticato alla vigilia dagli esperti, si è chiusa con il trionfo di Oppenheimer. L’Academy ha celebrato l’estro di uno degli autori più influenti dell’ultimo ventennio, Christopher Nolan, che ha vinto finalmente il premio per la miglior regia, mentre il biopic sul “padre della bomba atomica” si è portato a casa ben 7 statuette, comprese quelle per il miglior film, per il miglior attore protagonista – andato a Cillian Murphy, che ha battuto in volata l’altro grande favorito Paul Giamatti – e per il miglior attore non protagonista, andato a Robert Downey Jr.
L’Oscar per la miglior attrice protagonista è finito invece tra le mani della talentuosa Emma Stone (Povere creature!), che a soli 35 anni ha conquistato il suo secondo premio personale riuscendo quindi ad avere la meglio su Lily Gladstone (Killers of the Flower Moon), data per favorita dopo la vittoria ai SAG. E a proposito del film di Martin Scorsese, desta ancora una volta scalpore il fatto che una pellicola del maestro americano non sia stata ritenuta degna nemmeno di un premio dopo aver fatto il pieno di nomination.
L’Oscar per la miglior attrice non protagonista è andato, come da pronostico, a Da’Vine Joy Randolph per The Holdovers, mentre il grande Hayao Miyazaki si è aggiudicato il premio per il miglior film d’animazione grazie a Il ragazzo e l’airone.
Da segnalare anche la vittoria nella categoria miglior film internazionale dell’acclamato La zona d’interesse di Jonathan Glazer. Sfumato pertanto il sogno del nostro Matteo Garrone, ma resta la soddisfazione di aver visto entrare Io capitano nella prestigiosa cinquina dedicata ai lungometraggi stranieri.

Miglior film
Oppenheimer

Miglior regia
Christopher Nolan, Oppenheimer

Miglior attore protagonista
Cillian Murphy, Oppenheimer

Miglior attrice protagonista
Emma Stone, Povere creature!

Miglior attore non protagonista
Robert Downey Jr, Oppenheimer

Miglior attrice non protagonista
Da’Vine Joy Randolph, The Holdovers

Miglior sceneggiatura originale
Anatomia di una caduta

Miglior sceneggiatura non originale
American Fiction

Miglior film internazionale
La zona d’interesse
(Regno Unito)

Miglior film d’animazione
Il ragazzo e l’airone

Miglior fotografia
Oppenheimer

Migliore scenografia
Povere creature!

Miglior montaggio
Oppenheimer

Miglior colonna sonora
Oppenheimer

Miglior canzone
“What Was I Made For?” da Barbie

Migliori effetti speciali
Godzilla Minus One

Miglior sonoro
La zona di interesse

Migliori costumi
Povere creature!

Miglior trucco e acconciatura
Povere creature!

Facebooktwittermail

Categorie Post:
Contenuti Speciali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *