JOHN GOODMAN, L’AMICO DI LEBOWSKI

Facebooktwittermail

Gli attori come lui fanno la fortuna di ogni regista. John Goodman, 63enne del Missouri, altezza 1,88 m e fisico perennemente in sovrappeso, è uno di quegli interpreti capaci di arricchire qualsiasi personaggio, anche se si tratta soltanto di pochi minuti di film. Chiedete conferma a grandissimi come Steven Spielberg, che lo ha diretto in Always – Per sempre (1989), o Martin Scorsese, che ha lavorato con lui in Al di là della vita (1999).
Da oltre trent’anni nel mondo del cinema, John ha vissuto un periodo d’oro proprio nelle ultime stagioni. Tra i suoi personaggi recenti sono assolutamente imperdibili il produttore di The artist (di  Michel Hazanavicius, 2011), il truccatore hollywoodiano di Argo (di Ben Affleck, 2012) e il frikkettone spacciatore di Flight (di Robert Zemeckis, 2012).
Ma per i cinefili è e resterà sempre lo straripante Walter Sobchak, il migliore amico del grande Lebowski nel capolavoro dei fratelli Coen (con i quali ha collaborato in totale sei volte). Barba e capelli squadrati, logorroico e facile all’ira, ossessionato dalla  guerra del Vietman, Walter è il capolavoro di Goodman, che attraverso sguardi, tic, movenze, posture e battute fulminanti regala risate a ripetizione. Semplicemente da applausi.

Facebooktwittermail

Categorie Post:
Contenuti Speciali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.