EMILY BLUNT, DA SEGRETARIA DEL DIAVOLO AD AGENTE FBI

Facebooktwittermail

Emily Blunt, attrice londinese di 32 anni, è la dimostrazione vivente di come si possa non restare invisibili al fianco delle star. Nel 2006 è quasi una sconosciuta, quando si ritrova al fianco di sua maestà Meryl Streep e dell’astro nascente Anne Hathaway ne Il diavolo veste Prada di David Frankel. Il suo dovrebbe essere il classico ruolo di contorno, ma Emily caratterizza il suo personaggio con un mix efficace di acidità e comicità da rubare spesso la scena alle protagoniste. Il risultato finale è un’inaspettata nomination ai Golden Globe come attrice non protagonista.
Con il successo la vita cambia, ma lei non si culla sugli allori. Dietro la sua indiscutibile bellezza, c’è anche un’attrice di sostanza che cerca di essere credibile in ogni ruolo, che sia una regina del 19° secolo (The Young Victoria, 2009), un emissario di uno sceicco dello Yemen (Il pescatore di sogni, 2011) o una soldatessa in un futuro distopico (Edge of Tomorrow – Senza domani, 2014).
Quest’anno sembra avere un’occasione d’oro per dare un’ulteriore impennata alla sua carriera. Emily vestirà i panni di agente FBI in Sicario, film diretto da uno dei registi più caldi del momento, Denis Villeneuve, e che ha riscosso già ampi consensi all’ultimo Festival di Cannes. In Italia uscirà il prossimo 24 settembre (distribuito da 01) e sarà l’occasione per vedere quanto è cresciuta l’ex segretaria del diavolo.

Facebooktwittermail

Categorie Post:
Contenuti Speciali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.