banner

FREAKS OUT: PRIMO CIAK PER L’OPERA SECONDA DI GABRIELE MAINETTI

mainettidinuovosulset

Sono cominciate le riprese di Freaks Out, il film che segna il ritorno dietro la macchina da presa di Gabriele Mainetti dopo lo straordinario successo di Lo chiamavano Jeeg Robot. E anche questa volta tra i protagonisti c’è Claudio Santamaria, per la gioia dei tanti fan della sua fortunata opera prima.
Nato da un soggetto originale di Nicola Guaglianone, che ha anche curato la sceneggiatura con Mainetti, Freaks Out è un dramma ambientato a Roma durante la Seconda Guerra Mondiale, come apprendiamo dalla sinossi ufficiale:

“Matilde, Cencio, Fulvio e Mario sono come fratelli quando il dramma della Seconda Guerra Mondiale travolge Roma. Siamo nel ’43, nel pieno del conflitto, e la città eterna ospita il circo in cui lavorano. Israel, il proprietario e loro padre putativo, scompare nel tentativo di aprire una via di fuga per tutti loro oltre oceano. I nostri quattro protagonisti sono allo sbando. Senza qualcuno che li assista ma, soprattutto, senza il circo, hanno smarrito la loro collocazione sociale e si sentono solo dei fenomeni da baraccone, ‘a piede libero’ in una città in guerra”.

Freaks Out è prodotto da Lucky Red e Goon Films con Rai Cinema, in coproduzione con Gapfinders (Belgio).  Oltre a Santamaria, nel cast figurano Aurora Giovinazzo, Pietro Castellitto, Giancarlo Martini, Giorgio Tirabassi, Max Mazzotta e Franz Rogowski. Le riprese si svolgeranno a Roma e in Calabria per 12 settimane.
A lungo si era vociferato di un possibile sequel di Lo chiamavano Jeeg Robot, ma Mainetti, molto saggiamente, ha deciso di lanciarsi in una nuova e stimolante sfida, con la quale – come tutti si augurano -  potrà confermare il talento mostrato nel suo brillante film d’esordio.


Categoria Articolo:
Prossimamente

Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Menu Title